Il Volontariato online

 














 

  
 

I benefici fiscali per le organizzazioni di volontariato e le Onlus (*)

 

Oltre che dalle legge istitutiva, sono stati riconosciuti, a favore delle organizzazioni di volontariato, numerosi vantaggi anche da parte di una serie di altri provvedimenti legislativi, fra i quali assume particolare rilievo il decreto legislativo 460/97, relativo al riordino ed alla disciplina tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (Onlus). Tali vantaggi sono estesi alle organizzazioni di volontariato, in forza di esplicito rinvio con il quale vengono considerate Onlus le organizzazioni di volontariato, purché iscritte nei registri regionali.

 

I benefici riconosciuti con il suddetto decreto possono essere suddivisi in due parti: agevolazioni ed esenzioni.

1.Agevolazioni

Le agevolazioni riguardano: le imposte sui redditi; le erogazioni liberali; l'imposta sul valore aggiunto; le ritenute alla fonte; l'imposta di registro; le lotterie, le tombole, le pesche e i banchi di beneficenza.

È il caso di fare qualche accenno su ognuna di esse.

  1. Le agevolazioni ai fini delle imposte sui redditi riguardano il solo reddito di impresa e non si riferiscono ad altre categorie reddituali che concorrono alla formazione del reddito complessivo.

  2. Per le erogazioni liberali, il decreto legislativo pone, da una parte, le persone fisiche e gli enti non commerciali e, dall'altra, le imprese. I primi possono detrarre dall'imposta lorda le erogazioni liberali in denaro, fatte a favore delle organizzazioni di volontariato, per un importo fino a quattro milioni di lire.

  3. Per li imprese è prevista una serie di deduzioni che riguardano:

    - le erogazioni liberali in denaro per un importo non superiore a quattro milioni di lire o al due per cento

    del reddito di impresa dichiarato;

    - le spese relative all'impiego dei lavoratori dipendenti assunti a tempo indeterminato, utilizzati per

    prestazioni di servizi a favore delle organizzazione di volontariato, nel limite del cinque per mille

    dell'ammontare complessivo delle spese per prestazioni di lavoro dipendente;

    - le cessione gratuita alle organizzazioni di volontariato, in alternativa alla usuale eliminazione dal circuito

    commerciale, di derrate alimentari, di prodotti farmaceutici e di beni alla cui produzione o al cui scambio

    è diretta l'attività del impresa.

  4. Le disposizioni relative all'imposta sul valore aggiunto (Iva) prevedono una serie di agevolazioni per prestazioni effettuate da organizzazioni di volontariato o a favore delle stesse organizzazioni. Esse attengono a:

  5. - divulgazione pubblicitaria;

    - cessioni di beni-merce;

    - trasporto di malati o feriti con veicoli all'uopo equipaggiati;

    - educazione dell'infanzia e della gioventù e didattica di ogni genere anche per la formazione,

    l'aggiornamento, la riqualificazione e la riconversione professionale. In esse sono comprese anche le prestazioni relative all'alloggio, al vitto ed alla fornitura di libri e materiali didattici come pure le lezioni relativi a materie scolastiche e universitarie impartite da insegnanti a titolo personale;

    - attività socio sanitarie, di assistenza domiciliare o ambulatoriale, in comunità, in favore di persone

    svantaggiate, rese dalle organizzazioni di volontariato sia direttamente sia in esecuzione di appalti,

    convenzioni e contratti in genere.

    Le organizzazioni di volontariato inoltre, non sono soggette all'obbligo di certificazione dei

    corrispettivi mediante ricevuta o scontrino fiscale.

  6. Per quanto riguarda la ritenuta alla fonte, non viene applicata la ritenuta del quattro per cento a titolo di acconto sui contributi corrisposti alle organizzazioni di volontariato dagli enti pubblici. Inoltre, la ritenuta sui redditi di capitale corrisposti alle organizzazioni di volontariato viene considerata a titolo di imposta anziché di acconto.

  7. Relativamente all'imposta di registro, occorre distinguere fra Onlus e organizzazioni di volontariato. Per quanto riguarda le prime, è da sottolineare che tutti gli atti traslativi a titolo oneroso della proprietà di beni immobili in genere e gli atti traslativi o contributi di diritti reali immobiliari di godimento, compresa la rinuncia ad essi, destinati ad essere utilizzati nell'ambito delle attività statutarie, deve essere corrisposta, per la registrazione, la cifra fissa di lire 250 mila.

  8. Per quanto concerne le organizzazioni di volontariato, occorre fare riferimento alla legge-quadro la

    quale prevede la totale esenzione dall'imposta di registro.

  9. Con l'autorizzazione dell'Intendenza di finanza e previo nulla osta delle prefetture, le organizzazioni di volontariato possono effettuare lotterie, tombole, pesche e banchi di beneficenza, con le seguenti limitazioni:

    • per le lotterie è previsto che la vendita di biglietti deve riguardare il solo territorio della provincia. I biglietti vanno staccati da registri a matrice in numero determinato. L'importo complessivo di ogni lotteria non può superare i 100 milioni di lire;

    • per le pesche e i banchi di beneficenza, le operazioni sono limitate al territorio del comune in cui esse hanno luogo. Il ricavato complessivo non può superare i 100 milioni di lire.

2.Esenzioni

Le esenzioni riguardano: l'imposta di bollo; le tasse sulle concessioni governative; l'imposta sulle successioni e sulle donazioni; l'imposta sostitutiva; l'imposta sull'incremento di valore degli immobili e della relativa imposta sostitutiva; l'imposta sugli spettacoli; le raccolte pubbliche occasionali di fondi; i contributi per lo svolgimento convenzionato dell'attività.

Anche su ognuna di esse si ritiene utile fare qualche accenno.

  1. Sono esenti dall'imposta di bollo gli atti, i documenti, le istanze, i contratti, le copie anche se dichiarate conformi, gli estratti, le certificazioni, le dichiarazioni e le attestazioni poste in essere oppure richieste dalle organizzazioni di volontariato.

  2. Sono esenti dalle tasse sulle concessioni governative tutti gli atti ed i provvedimenti concernenti le organizzazioni di volontariato.

  3. Sono pure esenti dall'imposta sulle successioni e sulle donazioni i trasferimenti a favore delle organizzazioni di volontariato.

  4. Agli immobili acquistati a titolo gratuito, anche per causa di morte, non si applica l'imposta sull'incremento di valore. Lo stesso trattamento è riservato all'imposta sostitutiva di quella comunale sull'incremento di valore degli immobili.

  5. L'imposta sugli spettacoli non è dovuta per le attività spettacolistiche svolte occasionalmente dalle organizzazioni di volontariato in concomitanza di celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione. Per ottenere l'esenzione è necessario dare comunicazione, prima dell'inizio della manifestazione, all'ufficio accertatore territorialmente competente.

  6. Sono da considerarsi attività spettacolistiche:

    - gli spettacoli cinematografici e misti di cinema e avanspettacolo, comunque ed ovunque dati, anche se in

    circoli e sale private;

    - gli spettacoli sportivi di ogni genere, ovunque si svolgano, nei quali si tengano o meno scommesse;

    - gli spettacoli teatrali; le esecuzioni musicali di qualsiasi genere, escluse quelle effettuate a mezzo di

    elettrogrammofoni a gettone o a moneta; i balli, le lezioni di ballo collettive, i veglioni e altri trattenimenti di ogni natura ovunque si svolgano e da chiunque organizzati; i corsi mascherati e in costume, le rievocazioni storiche, le giostre e tutte le manifestazioni similari;

    - gli spettacoli teatrali di opere liriche, balletto, prosa, operetta, commedia musicale, rivista, concerti vocali e strumentali; le attività circensi e dello spettacolo viaggiante;

    - gli spettacoli di burattini e marionette ovunque tenuti;

    - le mostre e le fiere campionarie;

    - le esposizioni scientifiche, artistiche e industriali, rassegne cinematografiche riconosciute con decreto del Ministero per le finanze e altre manifestazioni similari di qualunque specie.

    Il Ministro delle finanze può stabilire, con proprio decreto, quando le suddette attività sono da considerarsi occasionali..

  7. Le raccolte pubbliche occasionali di fondi non concorrono alla formazione del reddito delle organizzazioni di volontariato anche se esse avvengono mediante offerte di beni di modico valore o di servizi ai sovventori in concomitanza di celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione.

  8. Anche in questo caso, il Ministero delle finanze può stabilire, con proprio decreto, condizioni e limiti

    atti a definire occasionali le predette attività.

  9. Non concorrono alla formazione del reddito i contributi corrisposti alle organizzazioni di volontario da amministrazioni pubbliche per lo svolgimento convenzionato di attività aventi finalità sociali esercitate in conformità ai fini istituzionali.

3. Altre agevolazioni

Tutti i vantaggi e le esenzioni finora segnalati sono riconosciuti dalla normativa nazionale. Ci sono, però, alcuni tributi che sono di pertinenza di comuni, provincia, regioni e province autonome. Per essi, i predetti enti possono prevedere la riduzione oppure, addirittura, l'esenzione.

 

 

(*) di Angelo Poli da Rivista del volontariato Anno IX 20 settembre 2000

 

 

BACK

 

HOME VOLONTARIATO | HOME OIKOS | HOME INFORMAGIOVANI

   
 

   Copyright © 2000 Associazione Oikos