Roberta Doni

IL PROGETTO "IO PARLO ITALIANO"

 

Sono stata ospite del centro artistico di Forto dal 16 ottobre al 16 novembre 2010 e in questo mese ho tenuto un corso di italiano per gli artisti che vi lavorano e i componenti dell’associazione Jed-Togo

Ho scelto di adottare un’impostazione comunicativa a lezione tenendo presente la principale motivazione degli studenti che partecipavano al corso: essere in grado di interagire e relazionarsi con i futuri volontari italiani che aderiranno ai loro progetti.

Mi sono occupata di raccogliere il materiale didattico e scolastico necessario: ho acquistato penne, matite, gomme, quaderni, pennarelli colorati, colla, scotch, cartoncini colorati e fogli bianchi 2mx2m per cartelloni. A volte ho preso spunto dal manuale d’italiano per stranieri “Lingua italiana per migranti”, di Branca Calabresi e Rocca, Edizioni Martina (ma l’ho utilizzato solo a titolo consultativo, infatti non è il libro più adatto essendo rivolto a stranieri che apprendono l’italiano in Italia, e non a stranieri che apprendono l’italiano come lingua straniero all’estero). Ho acquistato delle cartine (fisica+politica) plastificate del planisfero, dell’Africa, dell’Europa e dell’Italia. Mi sono procurata un’ingente quantità d’immagini, ritagliate da riviste, giornali e simili, di cibi, parti del corpo, abbigliamento, azioni, lavori, paesaggi, luoghi in Italia, sport, animali, oggetti, etc… Ho selezionato delle ricette di cucina italiana. Ho scelto e messo su una chiavetta usb una serie di canzoni italiane fra le più svariate con trascrizione dei testi.

Purtroppo non sapevo che avrei potuto usufruire anche di un televisore, di un lettore cd con attacco per chiavetta usb e di un computer, quindi non avevo materiale audio-visivo e visivo.

Il programma, stilato prima di partire alla cieca (visto che non avevo idea chi e quanti sarebbero stati gli studenti né quanto tempo avrei avuto a disposizione per l’insegnamento), prevedeva un ciclo di 15 moduli

Questa si è , però, rivelata una “previsione” ottimistica avendone svolti solo 10  (peraltro in 12 lezioni!), e non riuscendo dunque a completare il ciclo di unità didattiche.   Di questo mi rammarico e spero che al più presto ci sarà un volontario che porterà avanti il progetto, finirà il programma e inizierà un secondo ciclo.

Le lezioni erano organizzate per unità in sé concluse ma collegate le une alle altre così da crearvi una certa continuità; ogni lezione era suddivisa in tre parti: una prima mezz’ora di “ripasso” di quanto fatto la volta prima, poi l’introduzione e trattazione del nuovo argomento, e infine un momento conclusivo di sedimentazione tramite giochi didattici; spesso ho incentrato la lezione sul lavoro di gruppo, molto utile per poter lavorare con una classe numerosa (da 9-10 studenti) come se non lo fosse (a gruppetti di 3-4 studenti), e perché crea in classe un bel clima dinamico e positivo, sollecita affiatamento, lavoro di squadra e tutoring fra gli allievi, e cosa non meno importante, mantiene alti interesse, partecipazione e attenzione.

PROGRAMMA DIDATTICO:

I LEZIONE: 20/10/2010 “Ciao, chi sei?”

creazione della propria carta d’identità italiana su cartoncino colorato + domande che prevedono come risposta le varie voci della carta d’identità.
Faccio la mia presentazione seguendo le voci della carta d’identità e avviso gli studenti che nella prossima lezione avrebbero dovuto fare lo stesso.

II LEZIONE: 22/10/2010 “Il corpo umano”

utilizzando la carta d’identità come traccia ognuno fa la presentazione di se stesso. Indicando su un allievo chiedo e scrivo alla lavagna: che cos’è questa parte del corpo? / del viso? Che cosa sono queste parti del corpo? / del viso?
Divisi in due gruppi creano due cartelloni sul corpo umano e poi il rappresentate del gruppo ne parla utilizzando c’è / ci sono.

III LEZIONE: 25/10/2010 “il corpo umano e l’abbigliamento”

ripasso delle parti del corpo già trattate: scrivi il nome dell’immagine sul cartellone; introduzione di nuove parti del corpo tramite cartellone con immagini: che cos’è? Che cosa sono?
Gioco a squadre: che cos’è il/la?Che cosa sono i/le? (sulle parti del corpo)
Introduzione di nuovi vocaboli legati a quelli già conosciuti: l’abbigliamento.

IV LEZIONE: 27/10/2010 “ripasso generale e la descrizione”

ripasso delle parti del corpo e dell’abbigliamento.
Due gruppi: ciclo di giochi linguistici sulle parti del corpo.
Esempi brevi e semplici descrizioni di persone di cui consegno anche l’immagine; gioco: indovina chi è…
Nuovi vocaboli: i colori.

V LEZIONE: 29/10/2010 “lavori e mestieri”

Tabella sui lavori scritta alla lavagna (voci: mestiere-che cosa fa?-dove?-frase-traduzione in francese) con voci mancanti: completiamola insieme.
Introduzione della declinazione dei verbi in –are.
Gioco a squadre: la catena delle parole (es. canenevevelocecestino …)

VI LEZIONE: 01/11/2010 “la descrizione caratteriale”

ripasso di lavoro e mestieri tramite cartellone (collegare immagine di lavoro a luogo di lavoro).
Aggettivi positivi e negativi con traduzione in francese alla lavagnaàfare due cartelloni.
Gioco: prendi l’immagine di una azione e mimala alla classe, dopo declina il verbo.

VII LEZIONE: 03/11/2010 “l’Italia!”

ripasso: tramite la carta d’identità di un compagno fanne la presentazione (anche caratteriale) alla classe.
Geografia: cartine plastificateàdue gruppi: rintracciare sulla cartina italiana i confini, la capitale, le regioni,le principali catene montuose, fiumi, laghi e isole. Un rappresentante di ogni gruppo espone quanto trovato alla classe.

VIII LEZIONE: 5/11/2010 “l’Italia: il cibo”

ripasso: trova le definizioni riguardanti la geografia italiana.
Il cibo: la frutta; i pasti; sulla tavola.
Gioco: i dadi di lettere (trova più parole che puoi).

IX LEZIONE: 8/11/2010 “l’Italia: il cibo2”

ripasso: cartellone con immagini di frutti, scrivi il nome con l’articolo, poi scrivane il plurale; cartellone sulla tavola. Tre gruppi: creare 3 cartelloni
con titolo la colazione e i dolci, il primo, il secondo utilizzando le immagini date.
Nuovi vocaboli: verdure, legumi, frutta secca e cereali.

X LEZIONE: 10/11/2010 “L’Italia: il cibo 3”

consegno ad ogni allievo una ricetta italiana e chiedo di cerchiare le parole che conoscono; poi i verbi e li scrivo alla lavagna.
Tre gruppi: creare la ricetta di un piatto tipico togolese, in italiano. Poi ogni gruppo ne recita i gesti.

XI LEZIONE: 12/11/2010 “il tempo”

tempo atmosferico
tempo cronologico: leggere l’orologio; i giorni della settimana; la data; le stagioni e i mesi dell’anno.
Le feste in Italia e in Togo evidenziate sul calendario.

XII LEZIONE: 15/11/2010 “esercizi di verifica finale”

Non sono state svolte le seguenti lezioni

L’ITALIA: IL TEMPO LIBERO (sport, passatempi e divertimenti)

L’ITALIA: NATURA E ANIMALI

L’ITALIA: LA SCUOLA (il sistema scolastico, somiglianze e differenze con quello togolese)

L’ITALIA: STATO & GOVERNO (somiglianze e differenze con il Togo)

 

          Roberta Doni   24 anni,  Vanzago (Mi), insegnante d’italiano per stranieri.

 

BACK | HOME VOLONTARIATO | HOME OIKOS | HOME INFORMAGIOVANI

 
 

   Copyright © 2000 Associazione Oikos